Robert Wilson in mostra a Varese con i suoi Video-Portrait

“Robert Wilson for Villa Panza, Tales” è così intitolata la mostra che dal 4 Novembre 2016 al 15 Ottobre 2017 sarà ospitata nella dimora settecentesca voluta,  dal nobile banchiere illuminato Antonio Menafoglio:  Villa Menafoglio Litta Panza – Varese(1748)

In mostra saranno una selezione di Video Portrait realizzati da quello che si può considerare un artista a tutto tondo.

Robert “Bob” Wilson (4 ottobre 1941) è un regista e drammaturgo statunitense.
Nel corso della sua articolata carriera, lavora anche come coreografo, pittore, scultore, video artista, designer di suono e luci.

Forse non tutti sanno che, questa in copertina,  è un’Opera D’Arte di Robert Wilson. A rappresentare il suo concetto, ha scelto uno degli uomini più belli mai nati sulla terra, ma si capisce fin da subito che oltre al personaggio c’è dell’altro.  Wilson quando ha scelto Brad Pitt ha fatto come Michelangelo quando si recò a Carrara a scegliere il blocco di marmo per il suo Mosè, si è “limitato a togliere il superfluo e a far venire fuori la scultura che era dentro”. In questo caso, come negli altri Video Portrait ,gli occhi hanno sete di vedere e iniziano a lavorare di immaginazione.

Chi è Robert Wilson?

Wilson nato a Waco, studia business Administration all’Università del Texas dal 1959 al 1962. L’esperienza con i bambini disabili e i laboratori di teatro per l’infanzia, segnano radicalmente la sua vita.  Fa tesoro della terapia appresa da Byrd Hoffman e decide che il proprio futuro è nelle arti figurative. Si immerge nello studio.

  • Si trasferisce a Brooklyn nel 1963, conseguendo una laurea in architettura al Pratt Institute nel 1965.
  • Partecipa alle lezioni di Sibyl Moholy-Nagy (vedova di László Moholy-Nagy)
  • Studia pittura con George McNeil
  • Studia architettura con Paolo Soleri in Arizona.
Robert Wilson in mostra a Varese con i suoi video-ritratti
Einstien on the Beach regia di Robert Wilson

Nel 1968, Wilson fonda la compagnia di performance sperimentale Byrd Hoffman School of Byrds, intitolata a Miss Hoffman. Grande omaggio alla sua  l’insegnante di danza che lo aveva aiutato a superare l’handicap della balbuzie, quando era ragazzo. Stimolandolo ad eseguire movimenti lenti (slow motion) lo aveva spinto a considerare il tempo da un’altra prospettiva. Questa tecnica consentirà a Robert di imparare a sciogliere la tensione del proprio corpo e sarà riconoscibile come un suo tratto distintivo in ogni sua creazione.

Con questa compagnia crea i suoi primi importanti lavori: a cominciare da The King of Spain e The Life and Times of Sigmund Freud del 1969.

Debutta nell’opera nel 1976, realizzando con Philip Glass, Einstein on the Beach,(Il libretto, privo di trama, consiste di sillabe solfeggiate, numeri e brevi segmenti di poesia o testo che si sviluppano sui temi della relatività generale, delle armi nucleari, della scienza e della radio in AM), capolavoro che rende i due artisti famosi in tutto il mondo.

I Lavori di Bob Wilson

Wilson è noto per avere spesso “forzato” i limiti del teatro. I suoi lavori sono celebri per lo stile austero, movimenti molto lenti, e spesso dilatazioni estreme nello spazio e nel tempo. The Life and Times of Joseph Stalin è una performance di 12 ore, mentre KA MOUNTain and GUARDenia Terrace è stata allestita sulla vetta di una montagna in Iran per una durata di sette giorni.

Wilson eclettico
Robert Wilson in mostra a Varese con i suoi video-ritratti
Sedia da Racconto d’inverno
Progettato da Robert Wilson – Wintermärchen Berliner – Ensemble 2005

Oltre al suo lavoro per il palcoscenico, Wilson realizza sculture, disegni e design d’arredamento. Nel 1993 vince il Leone d’Oro alla Biennale di Venezia per una installazione scultorea. Nel 1997 è invece insignito del Premio Europa per il Teatro.

Nel 2004, Ali Hossaini offre a Wilson un contratto al canale televisivo Lab Hd. Da allora Wilson ha prodotto decine di video ad alta definizione noti anche come Voom Portraits. I protagonisti dei filmati hanno vanno dalle famiglie reali alle celebrità di Hollywood, compreso Brad Pitt, dagli animali ai vincitori di Premi Nobel, ai vagabondi.

Nel 2009 l’artista ha allestito una mostra egizia nelle scuderie juvarriane della Venaria Reale a Torino: mostra eccezionale basata sui nuovi ritrovamenti nel Mar Rosso di ben due città sommerse.

Avremo la possibilità di ammirare il suo genio creativo in questi video ritratti  ad altissima risoluzione.  Racchiudono in essi tutti i media, dalla pittura alla scultura, alla fotografia.  Esaltando la scenografia, il trucco, la colonna sonora, accolgono il personaggio-icona che, bravissimo nel recitare la sua parte, arriva a perdere la sua umanità, tanto è reso duttile e plasmabile dal grande regista artista.

Raffaella Cristiano

Blogger, Webwriter, Social Media Manager, Digital PR. Mi occupo di comunicazione digitale. Ufficio Stampa per Artisti Contemporanei. Ho quasi sempre un mio punto di vista. Mi entusiasmano le idee geniali, la creatività e le cose fuori dal comune, adoro uscire dagli schemi e gioisco quando un artista lo fa creando un capolavoro. Crea con me la tua strategia per vendere online.
Linkedin

Lascia un commento