Isabella d’ Este, emblema del rinascimento mantovano, amò la sua città

Isabella d’Este cultrice e amante delle arti, amava circondarsi di Poeti, Artisti, Musicisti e Letterati. Ariosto le dedicò la parte finale della sua opera. Donna che aveva un grande ascendente su chi la circondava, forse per la sua grande cultura.

Fece costruire uno studiolo nel palazzo ducale di Mantova, che fu decorato dal Mantegna, ma si rifugiava nella sua “grotta”, uno stanzino adiacente, per scrivere le sue innumerevoli lettere, che le permisero di essere, un’ottima diplomatica in politica e moglie devota, anche se si suppone, che avesse una relazione “platonica” con il Bembo.

Isabella d’ Este, emblema del rinascimento mantovano, amò la sua città
“La grotta” di Isabella d’Este adiacente lo Studiolo nel Palazzo Ducale di Mantova

Isabella d’Este è senz’altro emblema del rinascimento mantovano e punto di riferimento per gli artisti, lavorare a Mantova significava avere un incarico di prestigio e infatti, Mantova ha raggiunto il massimo del suo splendore con Isabella. Basta andare a visitare il Palazzo ducale per rendersene conto

Ho partecipato con vero piacere al Challenge su instagram di @visitmantua mi sono divertita a scavare nei ricordi della mia visita a Mantova, a rivivere le emozioni che ho provato entrando nella Basilica di Sant’Andrea opera dell’illustre Giovan Battista Alberti.
La passeggiata per il centro di Mantova, vuoi per il ciottoli di fiume che lastricano la piazza, vuoi per la pianta medievale, se provi a fare un giro su te stessa e dimentichi che hai indosso i blue jeans e le scarpe da ginnastica, potresti giurare di essere tornata indietro nel tempo.

Isabella d’ Este, emblema del rinascimento mantovano, amò la sua città
Sant’ Andrea, Mantova

Un’esperienza da fare! Mantova fa parte del triangolo della cultura rinascimentale insieme a Verona e Venezia.  Nessuna delle tre città può essere tralasciata. Per capire la magnificenza delle opere e della cultura brulicante nel Rinascimento,  bisogna fermarsi in quel triangolo e lasciarsi trasportare, assorbire dall’ Arte.

Noi italiani siamo talmente abituati a camminare tra le opere d’arte, che non le notiamo e invece, fermiamoci un momento, in qualsiasi città vi troviate in questo momento, alzate la testa, osservate un cornicione, le fontane, persino i battacchi dei portoni in Italia possono rivelarsi un vero capolavoro

In Copertina: La bella, presunto ritratto di Tiziano di Isabella d’Este

Raffaella Cristiano

Blogger, Webwriter, Social Media Manager, Digital PR. Mi occupo di comunicazione digitale. Ufficio Stampa per Artisti Contemporanei. Ho quasi sempre un mio punto di vista. Mi entusiasmano le idee geniali, la creatività e le cose fuori dal comune, adoro uscire dagli schemi e gioisco quando un artista lo fa creando un capolavoro. Crea con me la tua strategia per vendere online. Linkedin

Lascia un commento