Claudio Colaone: “Arte come anello mancante per arrivare sulle stelle.”

Nell’intervista di questa settimana approfondiamo la conoscenza di Claudio Colaone , scultore, pittore  e sassofonista. Si può tranquillamente affermare che l’arte scorre nelle sue vene e si manifesta in tutte le forme possibili. 
Parlaci un po’ di te, chi sei, che studi hai fatto e di cosa ti occupi

Ho fatto il liceo scientifico e studiato musica(sax), Fin da giovane avevo la passione della pittura, della scultura e della musica. All’inizio mi dedicavo, sia all’arte che alla musica, con la stessa passione. Suonavo anche nelle orchestre di musica da ballo.

Racconta come hai scoperto questa passione per l’arte in te e come hai deciso di avvicinarti ad essa

Come dicevo, da giovane mi dedicavo sia all’arte che alla musica. Ma ad un certo punto mi sentivo oscillare tra queste due discipline e avevo la sensazione di non riuscire a dare il massimo in nessuna delle due attività. Perciò, verso i trent’anni, ho preso la decisione di dedicarmi solo all’arte visiva, mettendo la musica in secondo piano, ma continuando sempre a suonare.
Ora suono con i “Démodé

In due parole esprimi il concetto dell’arte: che cos’è l’arte.

In due parole cito una frase tratta dalla mia poesia “Le vie dell’arte” che si può leggere per intero in un articolo nel mio sito.

“Arte come anello mancante per arrivare sulle stelle.

Quali sono i generi che preferisci?

Non c’è in particolare un genere che mi piace più degli altri; diciamo che mi piacciono le opere che mi entusiasmano, che mi fanno vibrare e che mi fanno sedere per ammirarle. Quindi possono essere classiche, impressioniste o contemporanee. Comunque, ho una certa preferenza per gli impressionisti.

C’è un artista in particolare, che sia esso un musicista o uno scultore o altro, dal quale ti è capitato di trarre ispirazione?

C’è ne più di uno, ci sono 3 che di più mi hanno ispirato: lo scrittore John Staimbek , il musicista Ravi Shankar e lo scrittore poeta Yukio Mishima.

Come nasce un’idea, da cosa trai ispirazione

Dietro l’idea di un’opera c’è il continuo tentativo di avvicinarsi sempre di più al “giusto” equilibrio tra i colori, tra la luce e l’ombra, tra il pieno e il vuoto e tra il leggero e il pesante. Insomma l’atavica ricerca dell’armonia, come in musica. L’ispirazione per le mie opere la traggo da tutto ciò che mi circonda, ma non in quanto materia ma bensì in quanto energia e movimento.

Claudio Colaone: “Arte come anello mancante per arrivare sulle stelle. Arte come anello mancante per andare all’inferno.”
“Luna” di Claudio Colaone
Tra i tuoi lavori, qual è quello preferito in assoluto?

La mia opera preferita è una scultura fatta nel 2007 per il parco dello Stabilimento Termale di Levico Terme. E’ una scultura in ferro alta 6 metri intitolata “Luna” dedicata a mia figlia, che si chiama anch’essa Luna, nata in quei mesi.

Che consiglio ti sentiresti di dare a quelli che iniziano?

Di non avere paura di niente ma contemporaneamente di avere un gran rispetto per tutto.

In che modo, secondo te, l’arte potrà migliorare la società e il vivere civile

L’arte può migliorare l’uomo nella misura in cui contribuisce ad abbattere muri,  a unire la gente, a far sviluppare in essa la capacità di discernimento, a pulire le nostre menti da preconcetti e da tutto quello che ci limita la visuale dell’orizzonte.
Inoltre l’arte è una continua ricerca del “bello”, un’espressione del divino.

Qual è il messaggio che vuoi dare attraverso la tua arte?

Io non ho la presunzione di lanciare messaggi a nessuno.
La mia arte semplicemente rispecchia quello che sono, quello che penso, quello che faccio e quello a cui aspiro. Sembrerà banale ma io aspiro ad un mondo di pace e quindi tutte le mie azioni e i miei pensieri cercano di andare in quella direzione; rispetto per la persone, per l’ambiente, per gli animali, la ricerca della libertà, di cui oggi più che mai sento la mancanza, lo sviluppo della capacità di discernimento per difendersi dalla continua tempesta di falsi bisogni e paradisi preconfezionati.
Io spero che la mia arte trasudi questo.

Dove trovo notizie di Claudio Colaone
Claudio Colaone: “Arte come anello mancante per arrivare sulle stelle. Arte come anello mancante per andare all’inferno.”
Claudio Colaone

Sito Web | Facebook | Linkedin

Foto in evidenza : Federica- scultura in rame – cm 180 di Claudio Colaone

 

Raffaella Cristiano

Blogger, Webwriter, Social Media Manager, Digital PR. Mi occupo di comunicazione digitale. Ufficio Stampa per Artisti Contemporanei. Ho quasi sempre un mio punto di vista. Mi entusiasmano le idee geniali, la creatività e le cose fuori dal comune, adoro uscire dagli schemi e gioisco quando un artista lo fa creando un capolavoro. Crea con me la tua strategia per vendere online. Linkedin

Lascia un commento