Destini: Atto Unico scritto da Stefano Russo, per riscoprire il valore dei nostri sogni

Stefano Russo è un attore,  e con questa sua commedia, viene alla luce come un autore capace di trattare temi profondi e delicati, con la leggerezza di chi mastica l’ironia della vita, con nonchalance.

Questa commedia  è divertente, che scoperta Raffaella, è una commedia, tu mi diresti se mi avessi faccia a faccia mentre te ne parlo. Adesso ti spiego.

Perchè la commedia di Stefano Russo è divertente?
  1.  Perché parla di tutti noi, di me, di te, del tuo vicino, di ogni persona che passeggiando incontri per strada. Persone normali, con problemi normali, le guerre per andare avanti, e soprattutto, sogni da realizzare.
  2.  Per le situazioni paradossali, che caratterizzano in genere le commedie, ma che in Destini, sembrano amplificate all’ennesima potenza

Ho letto la commedia ,  però presto, andrò a teatro a vederlo e non vedo l’ora. Le prime date sono queste della locandina, per informazioni e per i biglietti puoi contattare direttamente Stefano Mandando un’email a stefano.rus@fastwebnet.it o direttamente sulla Pagina Facebook

 

Destini: Atto Unico Scritto Da Stefano Russo, per riscoprire il valore dei nostri sogni

Il messaggio che mi ha lasciato Destini

La commedia termina con una dedica amara. Anche se preso  a cuor leggero affronta il tema del terrorismo. Stefano Russo sottolinea quanto l’ ISIS  viene a colpire la parte più intima di noi, i sogni. in un attimo il mondo cambia, i sogni cambiano, tutto viene posto su un piano diverso e ha più valore o meno valore, non importa, sta di fatto che niente è più come prima.

E’ un viaggio,   in quello che è il destino, che arriva inesorabile e che unisce le persone solo perché accomunate dallo stesso dramma.

La Trama

I protagonisti sono quattro, ognuno con un sogno nella tasca del pantalone perché non hanno neanche un cassetto, vivono le loro esistenze in un limbo. Qualcuno pensa che quel limbo sia una stanzetta angusta, ma non importa quanto spazio ci sia intorno a loro, stanno stretti dentro la loro zona di confort da disperati, non fanno altro che aspettare che la loro condizione cambi, senza fare nulla perché questo accada. Sono sottoposti al destino, a quello che il mondo ha in serbo per loro. e il Destino inesorabile li accontenta, li catapulta nel sogno in un attimo di gioia.

Le mie considerazioni?

La commedia mi piace, soprattutto perché, riprende la tradizione della gag di disperati, capaci di sorridere di loro stessi. L’ironia fa da collante a tutto il dialogo. Chi osserva è portato a pensare:  <<Non potrebbero stare peggio di così>>, e invece no, c’è di peggio, ma solo perché è destino che vada così, e il destino è un fiume.  Ti trascina in percorsi che conosce solo lui, ma ti accontenta, ti da quella gioia che hai sempre desiderato, anche se questo vuol dire non poterlo raccontare al mondo, ma essere protagonisti per il mondo.

Destini: Atto Unico Scritto Da Stefano Russo, per riscoprire il valore dei nostri sogni

 

Chi vuole passare un po’ di tempo deliziandosi con la lettura di questa commedia può trovarla disponibile su Amazon al link  Destini: Atto Unico Scritto Da Stefano Russo 

Domanda:

Accade spesso, che la fama e le qualità degli artisti, vengano a galla solo Post Mortem e, anche questa è ironia della sorte. Si accorgono di quanto era bravo tizio, solo dopo che non ne può più godere. E’ destino? Forse!

Tu come la pensi, fa sapere a me e a Stefano come interpreti il concetto di Destino.

 

 

 

 

Raffaella Cristiano

Blogger, Webwriter, Social Media Manager, Digital PR. Mi occupo di comunicazione digitale. Ufficio Stampa per Artisti Contemporanei. Ho quasi sempre un mio punto di vista. Mi entusiasmano le idee geniali, la creatività e le cose fuori dal comune, adoro uscire dagli schemi e gioisco quando un artista lo fa creando un capolavoro. Crea con me la tua strategia per vendere online.
Linkedin

Lascia un commento